Agonia đe primavera

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo for Phonodia in Rovine Lago, Italy, the 14th of July, 2015.

Read by Luciano Cecchinel on 14 July 2015

Agonia đe primavera

Mi son l'ultimo vècio đe sto paeṡe.
In te la me mènt
l'é poret al cuèrt de laste
e 'l cođolà lis l'é 'n larin grant
che 'l fogo 'ndat l'à asà croste
đe ẑendre e đe fret.
E qua tel me nicio đe pojan e fulische
al ciaro tórgol de 'n pavier đébol
stae a varđar cuẑa đó la me man
che la vena fonda đe la sòn
la mof a scuarẑar
tel ẑendre sènpro pi spes
senċ che gnesuni pi romài intènẑ.
Ma la me traẑa la pòlsa
anca su le piere sfeṡađe
ve qualche caṡa 'ncora đescuèrta
e su i pra su là
su quele stuliđe
đe le caṡère e đe le maṡiere
sbarađe đó par sora le ortighe
e su i lenċ de i telarin e đe i piói
ndove che i scrif insonađi i carói
le ultime storie
e tel ẑércol de la lama
fat sec e biancaẑ fa 'n òcio caiest
e su le carùcole ruciađe
su la corđa malgaliva
fa sto tènp balorđo
e sul troi inprađà che mael da le creste
al ghe va in contra a le nèole
e su la musa ṡlasađa
che la ghe sanjutéa forte
a i ẑighi đa gal de i bòce
đe lònc la festa santa đel jaẑ,
bestema crepađa đe la tieđa
par le òlte đe 'n tràgol fat jert,
lisp fa i braẑ đe na mare caìna.
No i à batest, nò, par mi 'ncora i senċ
e gnesun me tira a cuèrt
da ste straṡegne cruđe đel tènp.
Dal ẑei cévet de i muret
i rođoléa i òci inbarlumiđi
fin oltra quel revès de i cortivi
đrìoghe jènt che la pasa
e sènpro, sènpro đe pi
fa le ẑime su par là la se lontana...
e i sofeghèa injotiđi i bòt de le ore
fati ave marie pegre đe ran
e l'informigoléa le đonture
tut sto ṡbaregamènt mat de rane,
fa đe ṡgréole scaturiđe al vèndre sant.
E tra fòra,
tra fòra lora, parona,
sangue scur đe le me vene
par la me festa forèsta
che i cornolèr si i à oltà par tèra
i so fior par mi
joẑa ciara đel lenċ e đel ẑiel
ndé che i pra đa no so pi quanti ani
i leva moldeste
le man de l'ultimo nef.
Parona, tra fòra 'ncora,
ancora par mi, sior đe le ẑime
mai 'ncora đomanđe
e ti salta fòra te le me vene
montana trata đel tènp,
uđor ve la tèra
sul colmo đel suđor e đel fien!
Ma se solche proe a trar i òci in su
nò, no pi par mi
e par chi po' romài
ṡgórleli i càrpen e fràsen i so cavéi
fondi e freschi đe fémena
e lèvele alta le casie
la so fiévera mèstega!?
Ma la candela la đesfa
su la scanẑia la so ẑera trista
e đe lònc travi e calẑine
al so barlumir al se infronta
su par ẑate onbrioṡe che bala,
che scròca e no ẑieđe...

. . . . . . .

al ciaro e 'l scur
al tènp ndat e quel gnest
oler ben e pođer
par conto so ogni un.
Al ventar đe na stela
ien pura, mòrt!
Tu sé sol an canpanaẑ ṡgiòlaẑ.
E tut quel che ò đit urina tel nef.

Italian translation:

Agonia di primavera

Io sono l'ultimo vecchio di questo paese. / Nella mia mente / è povero il tetto di lastre e di pietra / e l'acciottolato liscio è un focolare grande / sul quale il fuoco trascorso ha lasciato croste / di cenere e di freddo. / E qui nella mia rotonda di languore e fuliggine / al chiarore torbido di uno stoppino debole / sto a guardare accovacciato la mia mano / che la sorgente profonda del sonno / muove a sprecare / nella cenere sempre più spessa / segni che nessuno più ormai intende. / Ma la mia traccia riposa / anche sulle pietre fessurate / di qualche casa ancora scoperta / e sui prati lassù / su quelle abbrustolite / delle casere e delle cataste di pietre / franate giù sopra le ortiche / e sui legni dei telai e dei ballatoi / dove scrivono assonnati i tarli / le ultime storie / e nel cerchio della pozza per l'abbeverata / divenuto secco e bianchiccio come un occhio caduto / e sulle carrucole slittate / sul cavo diseguale / come questo tempo balordo / e sul sentiero inerbato che solitario dalle creste / va incontro alle nuvole / e sulla treggia sconnessa / che singhiozza forte / ai gridi da gallo dei ragazzini / lungo la festa santa del ghiaccio, / bestemmia spezzata dalla tettoia / per le svolte di una strada da strascino divenuta erta, / viscida come le braccia di una madre crudele. / Non hanno battuto, no, per me ancora i segnali / e nessuno mi porta al riparo / da questi stillicidi crudi del tempo. / Dal ciglio tiepido dei muriccioli / roteano gli occhi abbagliati / fin oltre quello rovescio dei cortili / dietro gente che passa / e sempre, sempre di più / come le cime su di là si allontana... / e soffocano inghiottiti i rintocchi delle ore / divenuti ave marie pigre di rame / e intorpidisce le giunture / tutto questo urlio pazzo di rane, / come di raganelle spaventate il venerdì santo. / E versa, / versa allora, padrona, / sangue scuro delle mie vene / per la mia festa estranea / che i cornioli sì hanno riversato per terra / i loro fiori per me / goccia chiara del legno e del cielo / dove i prati da non so più quanti anni / levano munte / le mani dell'ultima neve. / Padrona, versa ancora, / ancora per me, signore delle cime / mai ancora piegate / e tu prorompi nelle mie vene / piena sgorgata del tempo, / odore della terra / al culmine del sudore e del fieno! / Ma se solo provo a volgere gli occhi in su / no, non più per me / e per chi poi ormai / agitano i carpini e i frassini i loro capelli / fondi e freschi di donna / e levano alta le acacie / la loro febbre mansueta?! / Ma la candela scioglie / sulla scansia la sua cera amara / e lungo travi e calcine / il suo barbaglio si addossa / contro zampe ombrose che vacillano, / che crocchiano e non cedono... / . . . . . . . . . . / la luce e il buio / il tempo andato e quello venuto / voler bene e potere / per conto proprio ognuno. / Col soffio di vento di una stella / vieni pure, morte! / Sei solo un campanaccio stonato. / E tutto quello che ho detto urina nella neve.

from Al tràgol jért (L’erta strada da strascino) (Milan: All’insegna del pesce d’oro di Vanni Scheiwiller, 1999).

Share this Poem with your co-workers or friends