Ai casoeàri

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 18th of October, 2013.

Read by Fabio Franzin on 18 October 2013

Ai casoeàri

ad Andrea Zanzotto, in memoria

Morosi de l'erba, 'ven vissù tea pianura
misuràndo i passi fra un foss e 'na scuìna,
co'i òci spersi, là in fondo, ae montagne,
tee rece 'na capa che ssisa onde conpagne
ae zhope de tèra nera te un canp 'pena arà

arà via anca 'a tèra dae nostre canpagne pa'
inpiantàr botéghe, capanóni, 'dèss 'i tó ossari
caro Andrea, i 'é tuti 'sti caseoàri, 'sti casoni
coeònici che cròea a tòchi, rossi, fra ortìghe
e ignoranza, fra Mercedes e un diaéto che no'

vòl pì 'ver 'e paròe creanza, buazha, che l'à
arà via sorìsi e vaeóri co'a fadìga, che 'l conta
caìo i só schèi tignùdhi sconti aa fémena
e al fisco che, cussì zharpìo, tradìo, i 'o voràe
insegnà parfìn tee scùoe. Rivolgersi ai casolari

con il più disperato rispetto. Mì, incùò, pers
te 'sta pianura strenta fra 'l griso dei autlet
e dee fabriche, fra 'sto verdo strangoeà, fae
el mé sòito peegrinàjo 'torno 'ste pière rosse
e 'sti tre travi in crose, me ferme a pregàr

fra 'e ortìghe alte come desgràzhie, 'scolte
'e vose morte de chi savéa de ver un cuòr
passàr come sói rosa fra 'e fòjie dee piòpe,
preghe pa'a tèra te un diaéto che fae rima
co' rispèto, e spere sol che l'erba lo vòpie.

from Margini e rive (Rome: Città Nuova, 2012)

Italian translation:

Ai casolari

Fidanzati dell’erba, abbiamo vissuto nella pianura / misurando i passi fra un fosso e uno scolatoio, / con sguardi sognanti, là in fondo, alle montagne, / nelle orecchie la conchiglia che mormora onde simili / alle zolle di terra scura di un campo appena arato // arata via anche la terra dalle nostre campagne per / piantare centri commerciali, industrie, ora i tuoi ossari / caro Andrea, sono tutti questi casolari, questi casoni / colonici che crollano a pezzi, rossi, fra ortiche / e ignoranza, fra Mercedes e un dialetto che non // vuole più avere le parole accoglienza, letame, che ha / arato via sorrisi e valori insieme alla fatica, che conta / avido i suoi soldi nascosti alla moglie / e al fisco che, così troncato, tradito, lo vorrebbero / persino insegnato nelle scuole. Rivolgersi ai casolari // con il più disperato rispetto. Io, oggi, vagando / per questa pianura soffocata fra il grigiore degli outlet / e delle fabbriche, fra questo verde strangolato, compio / il mio consueto pellegrinaggio intorno a questi mattoni rossastri / e queste tre travi in croce, mi soffermo a pregare // fra le ortiche alte come disgrazie, ascolto / le morte voci di chi seppe di possedere un cuore / passare come voli rosacei fra le foglie dei pioppi, / prego per la terra in un dialetto che faccia rima / con rispetto, e spero soltanto che l’erba lo accolga.

Share this Poem with your co-workers or friends