Al sole

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 19th of December, 2013.

Read by Julian Zhara on 19 December 2013

Al sole

“…gli addetti alla nostalgia
accompagnarono tra i flauti
il cadavere di utopia…”

Fabrizio de André

Illumini le nostre tasche
di identità e tabacco,
le nostre incertezze future,
le peggiori paure di una generazione
che non altro possiede
di politicamente vero
che vecchiume in conduzione.

Illumini le seguite
ipocrisie di un Potere di sfascio,
l’anticamera di una democrazia
che pretende miti
ma gloria l’eccesso,
nella storia fasulla di premiate
maschere al bipede dal torso convesso.

Illumini gli amici
che pian piano sfocano
in esangui scenografie,
le direzioni infinite,
sempre identiche le vie tracciate,
quasi mai le mie.

Illumini pure i bordi,
ma più la tua luce s’invigorisce,
eternamente soggetto del creato,
più il mio antro infelice
vittima sacrificata all’ombra,
malato, non riconosco
la profondità della radice
che mi ancora su questa terra
che la mia carne ama
il mio cuore detesta.

from In apnea (Venice: Granviale Editori, 2009).

Share this Poem with your co-workers or friends