Assenza

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 19th of December, 2013.

Read by Julian Zhara on 19 December 2013

Assenza

Compresi il non ritorno
nel semplice sorriso,
il vento spoglio d’appigli
e atterrito, in un urlo di quiete,
guardavo il tuo viso,
e sentivo spegnersi la sete.

L’indifferenza non era
più un prestigio di vanità,
un rimbalzo sicuro,
eppure scalzo sfidavo
la terra ardente,
i cocci sul muro,
che vissuto o passato
pareva una scorta esaurita.

A più di un anno
siamo ormai Uno
e anche se la vita sempre più mi appare
un digiuno di sogni,
una stupida penitenza,
tu, sei la materia prima
che regge la mia precaria felicità
e dove non sei,
v’è solo assenza.

from In apnea (Venice: Granviale Editori, 2009).

Share this Poem with your co-workers or friends