Bitte Nicht Einsteigen

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 11th of October, 2013.

Read by Davide Racca on 11 October 2013

Bitte Nicht Einsteigen

Ai fuggiaschi, ai profughi

salire, no! non salire

la portiera non si apre, voce
della bocca – BITTE
NICHT EINSTEIGEN

ti prega di non salire: prega,
prego. avanza il ronzio delle rotaie

i minuti accanto si rovesciano.
sciamano soma-paesi: chiacchiere
iscritte all’albo
del grande
Ufficio Immigrati

*

da Est, da Ovest, lo stesso

dai cardini delle lettere – la posta
dei corpi in moto – la posta
dei corpi in gioco – nel net
del ragno-filatore

mucchi di nodi ferrati, ruote
panoramiche ferme, giostre
senza conducente

------------rinciampati i dinosauri
------------fanno moscacieca
------------ai bevuti
------------morti di risate

*

FAHRSCHEIN, FAHRSCHEIN,
GÜLTIG FAHRSCHEIN
VIELLEICHT...

piccioni sopra bianchi acidi,
scambiati per monete, cumulano
saliva secca ai bordi della bocca

attorno ai becchi del reticolo,
molto dopo l’ultimo respiro –
non più volato via – chiedono
FAHRSCHEIN, tubano
FAHRSCHEIN

------------la gioia del disertore iracheno
------------è nel suo dito medio alzato
------------per nove anni, quarantotto
------------ore al giorno, centoventi
------------minuti a ora

------------dal permesso di soggiorno

*

da Sud, a Nord – meridiani obliqui
toppe dai muri scuciti, ricuciti
ai volti, gli assenti, quando
salgono – BITTE NICHT
EINSTEIGEN, BITTE
salgono

colpi di venti ad est, sganciati
da ésili esili, dai campi
grigi, coi liquami dei loro figli
bevuti fino all’ultimo notturno

che non porta da nessuna parte,
che non porta

BITTE NICHT EINSTEIGEN
BITTE NICHT EINSTEIGEN
BITTE NICHT EINSTEIGEN

from Vacanza d’inverno (Martinsicuro, TE: Di Felice Edizioni , 2013).

Share this Poem with your co-workers or friends