Cachi e schiti

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 18th of October, 2013.

Read by Fabio Franzin on 18 October 2013

Cachi e schiti

Tut chel pestìzh de cachi marzhi
là, longo a ranpa de cimento largo,
cascàdhi dae rame che spiove alte
sora ‘a paeàdha de confìn fra l’ort
de Aldo e ‘l magazìn del mobiìficio,
schinzàdhi dae ròdhe basse dei muéti,
ciapàdhi a speazhàdhe dai camionisti
strachi de sbrissàr te chel paciòt dolzh,
de netàrse ‘e scarpe drio ‘a muréta.

Oh Veneto, tèra mia, senpre manco
tèra e sempre pì vento che para via
memoria e natura; carica, carica i tó
container, conta i tó schèi, ‘scondìi
benón, là, tea cort, rovèsseghe sora
cariòe de ciàcoe e bestéme, i rosari
e i santini mìe volte pregàdhi e diese-
mìe tradìdhi, i venchi e ‘e fòjie grande
dei morèri, ‘a góndoea e’l león co’e àe,
‘a forca e ‘a calièra. ‘Àsseme sol chel
cachèr, el dispèt de chee burèe rosse,
past de vèci senza denti e de oseéti,
‘i só schiti grisi tel griso dei capanóni.

from Margini e rive (Rome: Città Nuova, 2012)

Italian translation:

Cachi e guano

Tutto quel pacciume di cachi sfatti / lì, lungo la vasta rampa di cemento, / caduti dai rami che spiovono alti / sopra la rete di recinzione a confine fra l’orto / di Aldo e il magazzino del mobilificio, / schiacciati dalle tozze ruote dei carrelli, / presi a calci dai camionisti / stufi di scivolare in quella fanghiglia dolciastra, / di pulirsi le scarpe contro il muro. // Oh Veneto, terra mia, sempre meno / terra e sempre più vento che porta via / memoria e natura; carica, carica i tuoi / containers, conta i tuoi soldi, nascondili / bene, lì, nella concimaia, rovesciagli sopra / carriole di chiacchiere e bestemmie, i rosari / e i santini mille volte pregati e dieci- / mila traditi, i vincastri e le foglie ampie / dei gelsi, la gondola e il leone alato, / la forca e il paiolo. Lasciami solo quel / caco, il dispetto di quelle bocce rossastre, / pasto di vecchi sdentati e di uccelli, / il loro guano grigio nel grigiore dei capannoni.

Share this Poem with your co-workers or friends