de là del sanjut sofegà del stran

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo for Phonodia in Rovine Lago, Italy, the 14th of July, 2015.

Read by Luciano Cecchinel on 14 July 2015

de là del sanjut sofegà del stran

de là de i càrpen e i rore spauridi
del sas rucià su la lasta slisada
te na onbrìa umida de fià sfinidi
fa qualcheduni che 'l dròn e che 'l sfiada

de là de l'ultimo ciaro del tràgol
del sas rucià su la lasta slisada
fa sanjut de stran patòc fin te médol
l'è 'n vèrs inrauchì che 'l va e 'l vien e 'l sfiada

na ànema che la ol restar viva
drio 'l sas rucià su la lasta slisada
andé che gnesuni pi romài riva
se no l'é da tant che 'l dròn e che 'l sfiada

par sanjut de stran patòc fin tel médol
de là de i càrpen e i rore spauridi
de là de l'ultimo ciaro del tràgol
te na onbrìa umida de fià sfinidi

Italian translation:

di là del singhiozzo soffocato dello strame

di là dei carpini e le roveri spauriti / del sasso sdrucciolato sulla lastra levigata / in un'ombra umida di fiati sfiniti / come qualcuno che dorme e che ansima // di là dell'ultimo chiarore della strada da strascino / del sasso sdrucciolato sulla lastra levigata / come singhiozzo di strame fradicio fin nel midollo / c'è un verso arrochito che va e viene e ansima // un'anima che vuol restar viva / dietro il sasso sdrucciolato sulla lastra levigata / dove nessuno più ormai arriva / se non è da tanto che dorme e ansima // per singhiozzo di strame fradicio fin nel midollo / di là dei carpini e le roveri spauriti / di là dell'ultimo chiarore della strada da strascino / in un'ombra umida di fiati sfiniti

from Sanjut de stran (Venice: Marsilio, 2011).

Share this Poem with your co-workers or friends