Dietro il cancello

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo in Urbino, Italy on the 5th of November, 2013.

Read by Salvatore Ritrovato on 5 November 2013

Dietro il cancello

A questo paese che non è Venezia
dove i bambini giocano per strada
col pallone e sbucano da ogni angolo
oggi ho portato Giorgia e Tommaso.
Guardano di là quel movimento
e nel giardino della zia, oltre la ringhiera,
alzano un invisibile castello.
È come un sogno che ho dimenticato.
Poi stanano lucertole dalle fratte
e tartarughe con dardi d’erbaspada,
montano sul monopattino, e via d’un fiato.

Quanto i miei figli sono diversi dai bambini
che giocano per strada, e da me (fra quelli),
quanto è lontana la loro infanzia dalla mia
da quello che fui anch’io in quel regno
senza governo, di auto in sosta
e passanti increduli, molesti.
Un giorno li vedrò tornare grandi
e domandarsi quale traccia
dietro il cancello che ci separa di trent’anni
fra il giardino e la strada, di ieri resti.

San Marco in Lamis, agosto 2008

from L’angolo ospitale (Milan: La Vita Felice, 2013).

Share this Poem with your co-workers or friends