El reticoeàto

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 18th of October, 2013.

Read by Fabio Franzin on 18 October 2013

El reticoeàto

Lo ‘à cavà fòra mé fioét daa tèra
- ‘pena smojiàdha da ‘na piovéta
benedeta dopo un mese de sec
e caldo infernàe – ‘sto toc stort
de reticoeàto rùdhene che ‘dèss
mé fémena l’à metù, là, in pie,
te un dei só vasi de vero, come
se ‘l fusse un fior. Catà sabo

scorso te un picnic tel Montèo
drio un vigneto de prosecco,
a dó passi da l’abazhia mozha
de Nervesa. Vinti schèi de fèro
intorcoeà, in mèdho ‘e tre stée
co’e ponte che spuncia. Ghe dise

a mé fiòl che i ‘o tiréa, tre righe
longhe òni pal, un toc prima
dee trincee, come ostàcoeo
a l’atàco, come ultima difesa
prima dea lòta a l’arma bianca.

Lo varde, ‘sto spezhón troncà
chi ’o sa se da ‘na bonba o da
‘na tanàjia, chi ’o sa se stort
da un corpo croeà parsora, mort.
Lo varde, ‘sto toc dea corona
de Cristo, ‘sta roa restàdha
incastrada drento ‘a tèra par
squasi un sècoeo senza mai
far more, ‘sta réichia del mal,
de l’odio. Lo varde come che
se varda un fòssie, ‘na busìa.

‘Dèss che ‘e roe de l’Europa
le ‘é fate dei numari revèssi
de sprèd e debiti, dai eserciti
disarmàdhi dei disocupàdhi,
e no’é bastà tut chel sangue
sparpagnà fra l’erba e i sassi

pa’ far nàsser el fior dea pase.

from Fabrica e altre poesie (Borgomanero: Ladolfi, 2013)

Italian translation:

Il filo spinato

Lo ha estratto il mio figlioletto dalla terra / – ammorbidita da una pioggerellina / benedetta dopo un mese di siccità / e caldo infernale – questo pezzo storto / di filo spinato arrugginito che ora / mia moglie ha infilato, lì, ritto, / in uno dei suoi vasi di vetro, come se fosse un fiore. Raccolto sabato // scorso in un picnic sul Montello / lungo un vigneto di prosecco, / a due passi dai resti dell’abbazia / di Nervesa. Venti centimetri di ferro / attorcigliato, in centro le tre stelle / dalle punte acuminate. Dico // a lui che lo tendevano, tre righe / lunghe ogni asta, dinnanzi / alle trincee, come ostacolo / all’attacco, come ultimo baluardo / prima dello scontro all’arma bianca. // Lo guardo, questo spezzone troncato / chi sa se da una bomba o da / una tenaglia, chi sa se storto / da un corpo crollatogli sopra, morto. / Lo guardo, questo pezzo della corona / di Cristo, questo rovo rimasto piantato dentro la terra per / quasi un secolo senza mai / produrre more, questa reliquia del male, dell’odio. Lo guardo come / si osserva un fossile, una menzogna. // Ora che le spine dell’Europa / sono composte dai numeri negativi / di spread e debiti, dagli eserciti / inermi dei disoccupati, / e non è bastato tutto quel sangue / versato fra l’erba e i sassi // per far spuntare il fiore della pace.

Share this Poem with your co-workers or friends