Illimani

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 17th of October, 2013.

Read by Claudio Cinti on 17 October 2013

Illimani

-

es salgo que no se mira
Saenz

 

dalla curva della notte

si stacca
a perpendicolo
nel risucchio
delle luci
Chuquiago

la certezza occidua
di un orizzonte
figurata da cortei
e lamentazioni

o nel sole

la scansione delle cime
come squilli
inonda Chuquaigo

non è la montagna
è la sua presenza

awaka

la bellezza
dell’inconciliato

presta
al volo aymara
la figura
del diniego
misura
la fallacia
dei gesti gracili
lo spettro
dell’interezza
l’inumano alimento
dei motori umani

in perenne estrusione
d’azzurro
la misura e la norma

tinku

librata la distanza
dal ritorno assiduo
del difforme

volo di pietra
sul cratere
di Chuquiago
ascesa diuturna
di un’orazione
eternata
in una pagina di nevi

from Ipapecuana (Venice: Sinopia, 2004).

Share this Poem with your co-workers or friends