La lesione del silenzio a carico dei corpi insonni

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo in Milan, Italy, on the 26th of January, 2014.

Read by Giusi Drago on 26 January 2014

La lesione del silenzio a carico dei corpi insonni

la lesione del silenzio a carico dei corpi insonni
tesi ad ascoltare i rumori al proprio interno:
sabbia che soffoca le vene, qualcosa di infranto
nell’alveo dei polmoni, il respiro si lacera
ansima manca, il corpo è abitato
da un respiro non suo, il corpo
quasi scompare – nulla tenta di dire

nel dire quel poco di sé che il vuoto lascia,
dolore hanno detto i corpi a lungo, mostrare
la gola in segno di resa, ora riformulano
la traduzione, ma guarda, dicono, che strana forza
ha il dimidiato quando risorge, che strana lingua usa,
sulle prime sembrava quasi estinta,
ora somiglia piuttosto a un luogo aperto, in più parti
perforato da sotterranei

(da lì si alzano
polveri e giuramenti

non respirare, corpo,
quelle polveri, non ascoltare
litanie di giuramenti)

ma guarda, dicono, che strana lingua usa
che strana forza ha

from Tempo negoziato (Roma: La Camera Verde, 2014).

Share this Poem with your co-workers or friends