Non che me ne importi molto, ma alle

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at the Teatro Comunale Giuseppe Verdi (www.comunalegiuseppeverdi.it/it/) in Pordenone, Italy (14th of November, 2013).

Read by Mary Barbara Tolusso on 14 November 2013

Non che me ne importi molto, ma alle

Non che me ne importi molto, ma alle
dieci di sera, alle tre, alle quattro del pomeriggio
arrivava sempre gente un po’ speciale.
Nell’ufficio, intonacato di nuovo,
con la voce di grondaia li sentivo
fare conti, li sentivo singhiozzare
la cena, così, di colpo, nessuno
se lo aspettava, oppure la versione malattia, quante
cose difficili da nominare, alla fine,
si capisce, è stato meglio, non c’era terapia.
Ma io dico che da qui, da questo preciso spazio
non ce n’è uno che parli davvero, che queste
cose succedono agli altri, negli intervalli
più soffocati, quasi invisibili, il cuoco,
l’impiegato, il suicida, il povero diavolo
con due figli da crescere. Ce n’è una schiera
tutti i giorni di gente che non sa con chi stare,
da che parte ci tirano le ombre, se bisogna vivere
con i vivi o con i morti

from Il freddo e il crudele (Novara: Stampa, 2012).

Share this Poem with your co-workers or friends