Òmini de ‘na volta

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 18th of October, 2013.

Read by Fabio Franzin on 18 October 2013

Òmini de ‘na volta

I ‘à coeorà l’inbrunìr dei cortivi
co’ biondi ricordi, pudhando
tii scaìni che screcoéa, tel scuro,
‘na spineta e tre pomi.

I ‘é stadhi ‘nca sòchi, epuro
i ‘à senpre savù chi che i ièra
drio vardàr, drento ‘l jàzh
de chel viéro; e ‘a marenda
i ‘a ‘à senpre butàdha zo
stando in pie, ingiutìndo
co‘l pan e late anca ‘l magón
che tornéa su, e ‘e dó besteme
restàdhe a gratàr tel gargàt.

I ‘à ciacoeà co‘l paesàjo,
co‘e nùvoe e ‘a piova.

I ghe à vussù ben ai cani,
ma fando fenta de paràrli via
co’na peàdha, se, intant
che i li carezhéa, calcun,
par caso, ièra drio vardarli;
e i ‘à sparagnà ‘e paròe savéndo
quant che ‘e pol tornar bone,
o quant che sie fazhie spànderle,
portàndoe in caìbrio tel cadhìn
dei siénzhi. I ‘à storie de zhoche
e de radìse, tel muso, e i sà
da zhope, de zhenere e caìvo

e spess, i ‘à mess ‘l só destìn
in mèdho a pòre robéte:
un sass bianco come un gonfèto,
o un schèo stort catà un dì drio ‘l fòss
che i tièn ‘ncora là, tel fondo del fustagno,
fra ‘a brìtoea e ‘na forza granda, ma sfregoeósa
come tèra seca, come ‘e fojie
che ‘l vent fa córer drio ‘l stradhón.

from Mus.cio e roe (Muschio e spine) (Milan: Le voci della luna, 2007)

Italian translation:

Uomini antichi

Hanno tinto il tramonto che calava sui cortili / con biondi ricordi, abbandonando / sugli scalini cigolanti, nel buio, / un’armonica a bocca e tre mele. // Sono stati anche tristi, eppure / hanno sempre saputo chi / stavano guardando, dentro il gelo / di quel vetro; e la colazione / l’hanno sempre consumata / in piedi, trangugiando / col pane e latte anche il pastone della disdetta, / e le due bestemmie / rimaste a grattare in gola. // Hanno conversato col paesaggio, / con le nuvole e con la pioggia. // Hanno amato i cani, / ma fingendo di scalciarli / se, intanto che li accarezzavano, / si accorgevano che qualcuno li osservava intenerito; / hanno risparmiato le parole sapendo / quanto possano tornare utili, / o quanto sia facile farle traboccare, portandole in equilibrio nel bacile / dei silenzi. Hanno storie di ceppi / e di radici, nel viso, e odorano / di zolle, di cenere e nebbia // e spesso, affidano il loro destino / a miseri amuleti: / quali un sasso bianco come un confetto, / o una moneta storta trovata un giorno lungo la proda del fosso / che tengono ancora lì, nel fondo del fustagno,/ fra la roncola e un orgoglio fiero, ma friabile / come terra arsa, come le foglie / che il vento fa correre per lo stradone.

Share this Poem with your co-workers or friends