Paron alt de le tère

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo for Phonodia in Rovine Lago, Italy, the 14th of July, 2015.

Read by Luciano Cecchinel on 14 July 2015

Paron alt de le tère

Paron alt de le tère,
đe le nèole e đel sol,
par noi tu sé stat sol paron
de grénpene e jerture suđađe
e jaẑ crepađi e straṡegne cruđe.
Par altri tu se stat paron
de pian mèsteghi e leđe
e aque céveđe e soi mòi fa seđe.
E pura noi te on dit su
đa qua đó, đa ste val despèrse e scure
te tanti ciari đeboi
fa đe bùbole imiṡeriđe
al nostro cređo đe stran, lenċ e piere
e tante òlte đa le ponte alte
che le vènta đe griẑe e đe stele
te on levà altar bianchi đe maṡiére
e sagrefiẑi parfumađi
đe međìi, mar e međe.
Ma ti tu se restà
đa đrio i to ẑiei peẑađi
fa cine maciolađe,
đrio le to cave blu ṡluṡènt de ori
e 'ncora spes da là su tu ne parla
par scagne rosate
e tenpeste ṡmariđe.
Đe scorẑe gropoloṡe e sache e roài
l'è đa 'l nostro vestì
ma na ṡbroja inderegađa đal fret
fa 'l lenċ del castagnèr
morsegà su đal s-ciaret a l'inverno
l'à đa eser gnest al to cor,
paron alt de le tère,
đe le nèole e đel sol!

Italian translation:

Padrone alto delle terre

Padrone alto delle terre, / delle nuvole e del sole, / per noi sei stato solo padrone / di lande sassose ed erte sudate / e ghiacci spezzati e stillicidi crudi. / Per altri sei stato padrone / di pianure mansuete e terre di limo / e acque tiepide e soli molli come seta. / Eppure noi ti abbiamo recitato / da quaggiù, da queste valli sperdute e scure / in tante luci deboli / come di lucciole intirizzite / il nostro credo di strame, legno e pietre / e tante volte dalle ondulazioni alte / ventose di cirri e di stelle / ti abbiamo innalzato altari bianchi di pietre / e sacrifici profumati / di stolli, cumuli e mete di fieno. / Ma tu te ne sei rimasto / là dietro i tuoi cieli pezzati / come vitelle maculate / dietro le tue cave azzurre lucenti di ori / e ancora spesso da lassù ci parli / attraverso siccità rossicce / e grandini sbiadite. / Di scorze nodose e virgulti ritorti e rovi / è già il nostro vestito / ma un coagulo irritato dal freddo / come il legno del castagno / morso dal cuneo d'inverno / deve essere diventato il tuo cuore, / padrone alto delle terre, / delle nuvole e del sole!

from Al tràgol jért (L’erta strada da strascino) (Milan: All’insegna del pesce d’oro di Vanni Scheiwiller, 1999).

Share this Poem with your co-workers or friends