Pastòẑ đe làip

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo for Phonodia in Rovine Lago, Italy, the 14th of July, 2015.

Read by Luciano Cecchinel on 14 July 2015

Pastòẑ đe làip

Pastòẑ đe làip, aqua lispoṡa,
ndé che đe ṡbris la se varđa la luna
e mael al peẑ al revèsa
i braẑ scanađi đal scur.
Par chi setu?
Par la straṡegna đel cuèrt?
Da tant òcio insulso la ṡmira
al to fondi fis.

E par chi spètetu, ti,
faldin ruđenì
in tra piere e roài
e ẑinis-cio e calif
orbo a le stele
đesfuliscađe đal vènt?
L'onbrìa ceta đe i bòcoi đe nef?
Fa l'agonia đe 'n cator
al to criđar ultimo
al se a inbuṡà đó agremoṡo
tel torcolamènt negro đe i crep.
Romài pi susuro ve bèspe
o ṡventolamènt de falchet
i se sovien de i to senċ de l'istà...
fursi gnanca 'l sol che tu à inabarlumì.

Ma mi, sa fae lora qua
scođraz ẑòt ẑabòt
picà a bar đe stele
qua co faldin e pastòẑ
a vejar sòn de peẑ
a lune ṡlaìđe
in tra nibie alte e cornaje?
Co i me sèst e vèrs stranbi
đespèrs da no sò quanti ani
fae ciaro stremì
sote i caveđai đe le stele
par na ṡventađa
che à 'ncora đa végner.

Italian translation:

Intruglio di truogolo

Intruglio di truogolo, acqua mucida, / dove furtiva si guarda la luna / e solitario il pino rovescia / le braccia spossate dall'oscurità. / Per chi sei? / Per la stilla del tetto? / Da tempo occhio insulso fissa / il tuo fondo denso. // E per chi aspetti, tu, / falce arrugginita / tra pietre e roveti / e muschio e foschia / cieca alle stelle / defuligginate dal vento? / L'ombra quieta dei boccioli di neve? / Come l'agonia di un coturnice / il tuo gridare ultimo / si è imbucato lacrimoso / nel contorcimento nero dei crepacci. / Ormai non più sussurro di api / o frullo di falchi / si ricordano dei tuoi rintocchi dell'estate... / forse nemmeno il sole che hai abbagliato. // Ma io, cosa faccio allora qui / ultimo nato zoppo balbuziente / impigliato a cespugli di stelle / qui con falce ed intruglio / a vegliare sonni di abeti / e lune infradicite / tra nebbie alte e cornacchie? / Con i miei gesti e versi strani / sperduto da non so quanti anni / faccio luce allo stremo / sotto i solchi iniziali delle stelle / per un colpo di vento / che deve ancora venire.

from Al tràgol jért (L’erta strada da strascino) (Milan: All’insegna del pesce d’oro di Vanni Scheiwiller, 1999).

Share this Poem with your co-workers or friends