Per sfrontati paggi

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo for Phonodia in Rovine Lago, Italy, the 14th of July, 2015.

Read by Luciano Cecchinel on 14 July 2015

Per sfrontati paggi

Per sfrontati paggi,
sbocco dissanguato di spelonca,
emersi al chiaro dei vivi
e per ustione di raggi
furono sberleffi e strilli
da macchie di polpa
sanguinosa di mirtilli.
Così mi inquisirono i declivi,
larva monca
e implacabile
come la vergogna della colpa
e il giudizio della fine.

Fra i sussurri del crinale
per sospetto, per paura
senza remissione
io, nume di condanna e tortura,
vedevo assieparsi a tribunale
occhi a perdizione.
E, disorbitato male,
là, fuori dall'antro senza ombre
la mia morte consumata
tra promiscue tenebre,
la mia morte impallidita
impietrì il sole.

from Le voci di Bardiaga (Rovigo: Il Ponte del Sale, 2008).

Share this Poem with your co-workers or friends