Salar de Uyuni

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 17th of October, 2013.

Read by Claudio Cinti on 17 October 2013

Salar de Uyuni

dove
non ci sono strade
il centro
è il margine
la vita
non cerca la sua via

il cielo
scolpisce
statue
di vento

il sole
si affaccia
dalle crepe
delle tracce nimie
incise
dagli ustori occulti

la notte
arrota
la bianchezza immemoriale
dell’immagine

l’isola
erompe
come un collasso
dall’erosione dei suoni
dalla canizie sempiterna
dei profili

il margine
scava
il margine

non ha figura
la finzione primigenia
del limite

from Ipapecuana (Venice: Sinopia, 2004).

Share this Poem with your co-workers or friends