Scempi

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo for Phonodia in Rovine Lago, Italy, the 14th of July, 2015.

Read by Luciano Cecchinel on 14 July 2015

Scempi

a Ermano Grava (Rosa),
torturato a morte dai fascisti

 

Non si staccarono dal cielo
mani di luce
neanche perché tua madre non fosse
sulla tua, sulla propria carne
l'impazzire di strazio,
bambino fatto adulto dalle armi
e trasceso per lame,
acido e sale

Oggi noi ti vestiamo
a festa della tua paura,
della nostra miseria,
martire di uno scempio
che rifacciamo,
che non volevi

Rinserrati i tuoi denti
non fanno passare parola:
a diritto reclino
ti ascolta il Crocefisso,
noi dovremmo provare
a parlarti in silenzio
come gli alberi all'aria,
l'acqua alla luce

from Perché ancora (Vittorio Veneto: ISREV, 2005).

Share this Poem with your co-workers or friends