senza sudare

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at The University of Nottingham, in Nottingham, UK, on the 9th of December, 2013.

Read by Roberto Minardi on 9 December 2013

senza sudare

dentro un contenitore, sbiadito e arrugginito,
fra i calcinacci spicca un fondo di bottiglia,
il vetro della quale contunde riflettendo
la violenza che il sole, sotto forma di raggi,
impone ai miei occhiali, mentre mi poggio a un muro.
ed io mi lascio amare da questa indifferenza,
come se fossi un geco, per caso lì appostato,
che non aspetta niente e resta a bocca chiusa
e gonfia e si contrae, chiude così le palpebre
con lentezza sacrale, con l'ovvio desiderio
di restarsene fermo ad assorbire il caldo,
ad immagazzinare il nulla più totale;
in posizione tale da asciugare del tutto
figure ed omissioni, manie che si hanno in vita,
fino a trovare quiete, istante per istante,
per un minuto intero (un tempo dignitoso),
prima di incamminarsi verso una pensilina
di nuovo alla ricerca di un'ombra che ripari.
è nella direzione del refrigerio, quindi,
che tende l'individuo un poco impolverato,
perché non ha la pelle che ci vorrebbe qui.

from Mrk (Cremona: Edizioni Tapirulan, 2013).

Share this Poem with your co-workers or friends