tarda sera di fine luglio

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo in Parma, Italy, on the 25th of May, 2014.

Read by Roberto Minardi on 25 May 2014

tarda sera di fine luglio

l’aria ristagna, il cortile è deserto.
in viso è rosso, la fronte bagnata,
un poco scoordinata la sua corsa.
la luce bianca al neon di un lampione che ha
la plafoniera rotta, acceca quando incide,
ma illumina l’asfalto quanto basta.
così tira il pallone contro il muro e produce
colpi sordi seguiti da minimi echi;
lo rincorre, lo aggira, non lo perde di vista,
torna a calciarlo più forte che può.
prova a domare i rimbalzi con grinta
mentre un anziano impreca infastidito,
lo maledice e sventola il braccio
da un balconcino che dà sul campetto.
in lontananza si sentono applausi,
gente che ride, che canta, fa chiasso;
forse si tratta dello stesso quiz
che stavano guardando i genitori
prima che lui uscisse. quel vecchio l’ha turbato,
adesso è ora di rientrare, è stanco,
lo lascia indifferente la visione
di quell’insieme di stelle stagliate
lassù – sembrano equidistanti, quasi –
molto più bello è quando c’è la luna.

from Il bello del presente (Cremona: Edizioni Tapirulan, 2014).

Share this Poem with your co-workers or friends