Tiwanaku

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 17th of October, 2013.

Read by Claudio Cinti on 17 October 2013

Tiwanaku

cieli e cieli
impassibili
come piramidi

soli e soli
impietosi
come altari

ho chiesto alla strada
di flettersi
in una culla
di suoni

ho attraversato
cunicoli di voci

ho scavato
nella mia voce
pozzi artesiani

ho sentito
nella polvere
il gèmito
delle antiche
trasmutazioni

ho udito
nella pietra
le parole iniziali

qui tutto è
maschera e volto

detriti e chullpares

accenni ubiqui

rinnovate infrazioni

occhi invisibili
dai nervi delle piane

scrosci inudibili
sui simulacri
dei canali irrigui

ossari di parole

ossami

silenzi
senza cascàmi

from Ipapecuana (Venice: Sinopia, 2004).

Share this Poem with your co-workers or friends