A un padre padrone di pronomi

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 19th of December, 2013.

Read by Julian Zhara on 19 December 2013

A un padre padrone di pronomi

Solo perché ti rassomiglio
mi inquadri come nemico,
vorresti non vedermi come specchio
e attento a tutto ciò che dico,
ti accorgi di essere già vecchio.
Solo perché tua figlia in me possiede
la tua figura, pensi
alla perdita del tuo dominio,
poi provenienza, portafoglio, capelli,
il superfluo a cui la tua condizione
ti impone di osservare,
e intanto taci
dietro l’innocua dolcezza
della mia educazione,
invece dovresti comprendere,
umanizzare,
perché potrei essere tuo figlio.

from In apnea (Venice: Granviale Editori, 2009).

Share this Poem with your co-workers or friends