Ve ‘ò vist ‘rivàr su dai canpi

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo at Phonodia LAB in Venice, Italy, on the 18th of October, 2013.

Read by Fabio Franzin on 18 October 2013

Ve ‘ò vist ‘rivàr su dai canpi

Ve ‘ò vist ‘rivàr su dai canpi,
a l’inbrunìr – co’ i canpi i iera
‘ncora tèra e destìn, pan e sudhór –
onbre lente, strache, drio ‘e panòce
e i gavìni, ‘a luna scura de un falzhìn,
‘e ponte de ‘na forca spontàr dae spàe
come figure dea mort o mèdhe bestie:
òmilupi, satiri o minotauri descalzhi.

Ve ‘ò vist cuzhàdhi al pìssoeo slùser
de ‘na ponpa, passàrve solièvo drio
el còl, ‘e man un poema de coriàndoi
de erba, vìrgoe de tèra, sot’e onge;
valtri, che savéssi sol i pochi nomi
che servìa, e quei ve se fati bastàr
pa’ ciamàr ‘a piova o pa’ maedhìr
el sec, ‘a tenpestàdha bastarda, che
savéssi catàr ‘a fòjia del cren, l’opra
che fa mudhàr un gaét te un capón,
l’incalmo che indolzha i pomi, valtri

e ’e vostre faméjie grande, co’ senpre
un Cicio e un Nane, un canajia e un tonto
menà ‘torno dai bòce parché ‘l ghe crede
a tut, e de tut l’à paura, crudho e cojión,
ma piantà  tea memoria de chii fiòi, po’,
come el pal de testa te un vigneto, valtri
co’e vostre preghiere pagane, ‘e vostre
supestizhión, besteme grasse come buazha

me vignéssi incontre co’ i vostri capèi
de pajia, i fazhoéti neri ligàdhi ‘torno
a nasi-bèchi, òci sbaràdhi drento ‘a nosa
dea fadhìga, e mì, bauchét, ve vedhée
squasi dèi, imortài, statue negre de forza
e de nervo, mai dome, mai domenega,
servi del tenpo e dee stajón, el codhèr
picà in fianco come cau-bòi del strafòjio

se desmentegàrve toca, pa’ star in pie
fra ‘sfalto e busìe, fra internet e nient,
mì vui farlo drio ‘l corso che ve ‘assà,

picà a ‘sta pena come valtri al vassór,
un sachét de paròe fissà a un spago ligà
‘torno ‘a vita, el pensièr che se perde
fra l’aria e i osèi, ‘e semenzhe spante
da un scato del pols, co’ cura e fiducia,
‘a man che le mòea in pase co’l mondo.

from Fabrica e altre poesie (Borgomanero: Ladolfi, 2013)

Italian translation:

Vi ho visti emergere dai campi, / all’imbrunire – quando i campi erano / ancora terra e destino, pane e sudore – / ombre lente, stanche, fra le giungle del mais / e i filari delle viti, la buia luna di una falce, / le punte di una forca spuntarvi dalle spalle / come figure della morte o antropomorfe: / licantropi, satiri, o minotauri scalzi. // Vi ho visti inginocchiati al rivolo luccicante / di una fontanella, passarvi sollievo dietro / la nuca, le mani un poema di coriandoli / d’erba, virgole di terra sotto le unghie; / voi, che conoscevate solo i pochi nomi / che servivano, e solo quelli vi siete fatti bastare / per chiamare la pioggia o per maledire / la siccità, la grandinata vigliacca, che / sapevate dove si cela la foglia del rafano, l’atto / che muta un galletto in cappone, l’innesto che fa più dolci le mele, voi // e le vostre famiglie vaste, con sempre / un Ciccio o un Nane, uno scaltro e un tonto / preso in giro dai bambini perché credulone e di tutto timoroso, tardo e minchione, / ma infisso nella memoria di quei ragazzi / come il palo in testata al vigneto, voi / con le vostre preghiere pagane, le vostre superstizioni, bestemmie grasse come letame // mi venivate incontro coi vostri cappelli / di paglia, i fazzoletti neri annodati intorno / a nasi-becchi, occhi spalancati sino al nucleo / della fatica, ed io, sciocchino, vedevo in voi / quasi degli dei, immortali, brune statue di forza / e resistenza, mai dome, mai domenica, / schiavi del meteo e delle stagioni, il portacote di corno / fissato in fianco, come cow-boy del trifoglio // se dimenticarvi bisogna, per stare al passo / fra asfalto e menzogna, fra internet e il nulla, / io voglio farlo lungo la traccia da voi segnata, // appeso saldamente a questa penna come voi all’aratro, / un sacchetto di parole fissato a uno spago annodato / intorno alla vita, il pensiero che vaga / fra l’aria e il volo degli uccelli, i semi sparsi / da uno scatto del polso, con passione e fiducia, / la mano che li abbandona in pace col mondo.    

Share this Poem with your co-workers or friends