Volatilità

This reading was recorded by Alessandro Mistrorigo in Urbino, Italy on the 5th of November, 2013.

Read by Salvatore Ritrovato on 5 November 2013

Volatilità

Mi punta le parole, passeggiando
contro l’ombra del viale: «Erano tutti
amici tuoi da ragazzo quelli che saluti?».
Sa che esiste un’altra età per le amicizie forti
un luogo dove ogni “grande” torna
un punto di raccolta dei suoi anni dispersi
dove l’io è una casa senza porte.
Sì, erano i miei amici, lo sono ancora
in parte, amici di stagioni inerti
ferme, a volte perdo i loro nomi.

Delicatamente aspetta che taccia.
È un angelo guardiano la mia piccola
quando apre le sue inchieste
e guarda lassù vacillare il suo papà.
Dove saluterà i suoi amici di ragazza?
Oggi saluta come un tenero volatile
chiude la testa fra le piume dell’infanzia
piena di case, a nord e a sud, lontane
ma abitate, come nelle favole.
Domani mi guarderà dall’alto, da un punto
decentrato del suo futuro, cercare amici
lontani, persi, chiedermi dov’è la sua casa.

San Giovanni Rotondo, agosto 2008

from L’angolo ospitale (Milan: La Vita Felice, 2013).

Share this Poem with your co-workers or friends