Italian

Agonia đe primavera

Mi son l'ultimo vècio đe sto paeṡe.
In te la me mènt
l'é poret al cuèrt de laste
e 'l cođolà lis l'é 'n larin grant
che 'l fogo 'ndat l'à asà croste
đe ẑendre e đe fret.
E qua tel me nicio đe pojan e fulische
al ciaro tórgol de 'n pavier đébol
stae a varđar cuẑa đó la me man
che la vena fonda đe la sòn
la mof a scuarẑar
tel ẑendre sènpro pi spes
senċ che gnesuni pi romài intènẑ.
Ma la me traẑa la pòlsa
anca su le piere sfeṡađe
ve qualche caṡa 'ncora đescuèrta
e su i pra su là
su quele stuliđe
đe le caṡère e đe le maṡiere
sbarađe đó par sora le ortighe
e su i lenċ de i telarin e đe i piói
ndove che i scrif insonađi i carói
le ultime storie
e tel ẑércol de la lama
fat sec e biancaẑ fa 'n òcio caiest
e su le carùcole ruciađe
su la corđa malgaliva
fa sto tènp balorđo
e sul troi inprađà che mael da le creste
al ghe va in contra a le nèole
e su la musa ṡlasađa
che la ghe sanjutéa forte
a i ẑighi đa gal de i bòce
đe lònc la festa santa đel jaẑ,
bestema crepađa đe la tieđa
par le òlte đe 'n tràgol fat jert,
lisp fa i braẑ đe na mare caìna.
No i à batest, nò, par mi 'ncora i senċ
e gnesun me tira a cuèrt
da ste straṡegne cruđe đel tènp.
Dal ẑei cévet de i muret
i rođoléa i òci inbarlumiđi
fin oltra quel revès de i cortivi
đrìoghe jènt che la pasa
e sènpro, sènpro đe pi
fa le ẑime su par là la se lontana...
e i sofeghèa injotiđi i bòt de le ore
fati ave marie pegre đe ran
e l'informigoléa le đonture
tut sto ṡbaregamènt mat de rane,
fa đe ṡgréole scaturiđe al vèndre sant.
E tra fòra,
tra fòra lora, parona,
sangue scur đe le me vene
par la me festa forèsta
che i cornolèr si i à oltà par tèra
i so fior par mi
joẑa ciara đel lenċ e đel ẑiel
ndé che i pra đa no so pi quanti ani
i leva moldeste
le man de l'ultimo nef.
Parona, tra fòra 'ncora,
ancora par mi, sior đe le ẑime
mai 'ncora đomanđe
e ti salta fòra te le me vene
montana trata đel tènp,
uđor ve la tèra
sul colmo đel suđor e đel fien!
Ma se solche proe a trar i òci in su
nò, no pi par mi
e par chi po' romài
ṡgórleli i càrpen e fràsen i so cavéi
fondi e freschi đe fémena
e lèvele alta le casie
la so fiévera mèstega!?
Ma la candela la đesfa
su la scanẑia la so ẑera trista
e đe lònc travi e calẑine
al so barlumir al se infronta
su par ẑate onbrioṡe che bala,
che scròca e no ẑieđe...

. . . . . . .

al ciaro e 'l scur
al tènp ndat e quel gnest
oler ben e pođer
par conto so ogni un.
Al ventar đe na stela
ien pura, mòrt!
Tu sé sol an canpanaẑ ṡgiòlaẑ.
E tut quel che ò đit urina tel nef.

Italian translation:

Agonia di primavera

Io sono l'ultimo vecchio di questo paese. / Nella mia mente / è povero il tetto di lastre e di pietra / e l'acciottolato liscio è un focolare grande / sul quale il fuoco trascorso ha lasciato croste / di cenere e di freddo. / E qui nella mia rotonda di languore e fuliggine / al chiarore torbido di uno stoppino debole / sto a guardare accovacciato la mia mano / che la sorgente profonda del sonno / muove a sprecare / nella cenere sempre più spessa / segni che nessuno più ormai intende. / Ma la mia traccia riposa / anche sulle pietre fessurate / di qualche casa ancora scoperta / e sui prati lassù / su quelle abbrustolite / delle casere e delle cataste di pietre / franate giù sopra le ortiche / e sui legni dei telai e dei ballatoi / dove scrivono assonnati i tarli / le ultime storie / e nel cerchio della pozza per l'abbeverata / divenuto secco e bianchiccio come un occhio caduto / e sulle carrucole slittate / sul cavo diseguale / come questo tempo balordo / e sul sentiero inerbato che solitario dalle creste / va incontro alle nuvole / e sulla treggia sconnessa / che singhiozza forte / ai gridi da gallo dei ragazzini / lungo la festa santa del ghiaccio, / bestemmia spezzata dalla tettoia / per le svolte di una strada da strascino divenuta erta, / viscida come le braccia di una madre crudele. / Non hanno battuto, no, per me ancora i segnali / e nessuno mi porta al riparo / da questi stillicidi crudi del tempo. / Dal ciglio tiepido dei muriccioli / roteano gli occhi abbagliati / fin oltre quello rovescio dei cortili / dietro gente che passa / e sempre, sempre di più / come le cime su di là si allontana... / e soffocano inghiottiti i rintocchi delle ore / divenuti ave marie pigre di rame / e intorpidisce le giunture / tutto questo urlio pazzo di rane, / come di raganelle spaventate il venerdì santo. / E versa, / versa allora, padrona, / sangue scuro delle mie vene / per la mia festa estranea / che i cornioli sì hanno riversato per terra / i loro fiori per me / goccia chiara del legno e del cielo / dove i prati da non so più quanti anni / levano munte / le mani dell'ultima neve. / Padrona, versa ancora, / ancora per me, signore delle cime / mai ancora piegate / e tu prorompi nelle mie vene / piena sgorgata del tempo, / odore della terra / al culmine del sudore e del fieno! / Ma se solo provo a volgere gli occhi in su / no, non più per me / e per chi poi ormai / agitano i carpini e i frassini i loro capelli / fondi e freschi di donna / e levano alta le acacie / la loro febbre mansueta?! / Ma la candela scioglie / sulla scansia la sua cera amara / e lungo travi e calcine / il suo barbaglio si addossa / contro zampe ombrose che vacillano, / che crocchiano e non cedono... / . . . . . . . . . . / la luce e il buio / il tempo andato e quello venuto / voler bene e potere / per conto proprio ognuno. / Col soffio di vento di una stella / vieni pure, morte! / Sei solo un campanaccio stonato. / E tutto quello che ho detto urina nella neve.

Pastòẑ đe làip

Pastòẑ đe làip, aqua lispoṡa,
ndé che đe ṡbris la se varđa la luna
e mael al peẑ al revèsa
i braẑ scanađi đal scur.
Par chi setu?
Par la straṡegna đel cuèrt?
Da tant òcio insulso la ṡmira
al to fondi fis.

E par chi spètetu, ti,
faldin ruđenì
in tra piere e roài
e ẑinis-cio e calif
orbo a le stele
đesfuliscađe đal vènt?
L'onbrìa ceta đe i bòcoi đe nef?
Fa l'agonia đe 'n cator
al to criđar ultimo
al se a inbuṡà đó agremoṡo
tel torcolamènt negro đe i crep.
Romài pi susuro ve bèspe
o ṡventolamènt de falchet
i se sovien de i to senċ de l'istà...
fursi gnanca 'l sol che tu à inabarlumì.

Ma mi, sa fae lora qua
scođraz ẑòt ẑabòt
picà a bar đe stele
qua co faldin e pastòẑ
a vejar sòn de peẑ
a lune ṡlaìđe
in tra nibie alte e cornaje?
Co i me sèst e vèrs stranbi
đespèrs da no sò quanti ani
fae ciaro stremì
sote i caveđai đe le stele
par na ṡventađa
che à 'ncora đa végner.

Italian translation:

Intruglio di truogolo

Intruglio di truogolo, acqua mucida, / dove furtiva si guarda la luna / e solitario il pino rovescia / le braccia spossate dall'oscurità. / Per chi sei? / Per la stilla del tetto? / Da tempo occhio insulso fissa / il tuo fondo denso. // E per chi aspetti, tu, / falce arrugginita / tra pietre e roveti / e muschio e foschia / cieca alle stelle / defuligginate dal vento? / L'ombra quieta dei boccioli di neve? / Come l'agonia di un coturnice / il tuo gridare ultimo / si è imbucato lacrimoso / nel contorcimento nero dei crepacci. / Ormai non più sussurro di api / o frullo di falchi / si ricordano dei tuoi rintocchi dell'estate... / forse nemmeno il sole che hai abbagliato. // Ma io, cosa faccio allora qui / ultimo nato zoppo balbuziente / impigliato a cespugli di stelle / qui con falce ed intruglio / a vegliare sonni di abeti / e lune infradicite / tra nebbie alte e cornacchie? / Con i miei gesti e versi strani / sperduto da non so quanti anni / faccio luce allo stremo / sotto i solchi iniziali delle stelle / per un colpo di vento / che deve ancora venire.

Neukölln

nella vetrina di lapidi
il barboncino crepuscolare
dorme

si vende con la morte
(ci metti pure
l’insegna lunare)

la donna in bianco
di crisantemi, la vita
tarlata, vende
banane nere, latte
e telefonate, senza articoli
da consegnare
alla grammatica tedesca

dal suo imbiss
un uomo sta
davanti al bolo di manzo
in forma di sidro

dove corpi arrancano fino
ad una lingua elementare, un taglio
di carne cade e per il giorno
affila i suoi coltelli

*

tutto a metà prezzo
si coltiva
altrove

un chiodo di nostalgia e
mandorle in abbondanza
di merci – ain oiro ain
oiro…

anche miele, ceci
e arance
rancide – alle
alle…

e il bimbo
di bosforo dagli occhi
di madre ed eloquenza
di padre

senza troppa psicologia

*

spermafatica, roba
di popolo, sudore
di baracche ammassato
a scatole

dopomercato da niente
con dignità

rozzamente
il bisogno si fa
giorno dopo
giorno

*

– waiss
ni… waiss
ni…

nella doccia
della pioggia

– kain
plan kain
plan…

si ripete
-
-
nei corsi di silenzio, coazione
ad essere, distribuiscono
porto d’anime

*

una speranza
dal ponte – il parco
giostra svelto stesse
storie dal canale
di scolo

ancora la seconda
generazione, sempre
d’altra riva

(spora)

*

Das grosse geht an sich selbst zugrunde
Gottfried Benn, Finis Poloniae

un Feuer-zeug del SED
nella mano, un Aschen-
becher accoglie
le cicche
del popolo

davanti
il milite ignoto – iper-
operaio
sul masso
del Treptower

qualcosa come
cuori a nolo
si coscienzano
riesumando

(galoppa ancora
Aleksandr Nevskij?)

Stille

cuore sospeso
nel radiatore – mosca
cieca

il metallo d’aria secca
è preciso
fatto di linee
e ghisa

la bocca al soffitto
dal respiro
alza un gran bel buio

pochi centimetri d’aria e
la finestra si getta nella neve

*

a prova di luce, a misura di buio,
senza accendere, senza spegnere
la fontana schiaccia le gocce
nel pantano

rompono legamenti e stoppe
-
-
le falle delle nostre geografie
sgocciolano per noi

*

stanza in forma
di scatola – nessun oggetto
da rompere
eccetto
te

bucce di sole
accanto al numero
di casa, da chiamare

chiamare cosa
-
-
avvicinare una buca da lettere
è equazione
di ruggine
e vene

*

rozzo parquet che
scricchiola

la finestra che dà a est,
a notte, è scura tela
di Rothko
dai riflessi viola

mimesi di infarto

semantica coagulazione
di colore e cuore

*

la luce, dal freddo, sbranata. la notte
un’immensa giornata

rumori di passi in cucina fino
alla spina del buio. poi
la cronaca è voce di radio
e disagio

il vento
ha ora il calendario
migliore

una raffica sui vetri
senza faida

*

la cimice da compagnia marcia
nei suoi pochi metri. libertà è di
stanza dove vigilata premia le
nostre distanze

*

stessa faccia stessa razza
dice il greco

la scimmia dello zoo
con la mano al mento
si concentra
si gratta
si spaventa

Wannsee

passano dei corpi col freddo
e non è gennaio. dove sono
stragi poi è cultura, e ci sono
sassi, un lago e una carta
di nuvole

il lago –
un certificato
di pace

*

calendario di sangue, oroscopo
della specie a pezzetti, il fonte
battesimale della fine incensa,
a porte chiuse, fuori
i tiratori scelti, dentro
i catalogatori

*

i consanguinei hanno carne bianca
e una fame intera – tra sapere e
sapere un baratro,
una ciotola di latte
rancido, cera
scura per modellare
dolore, qui
nell’imboscata
tranquilla, a doppiopetto, qui
inamidata, pulita, stirata

dove per pochi
è fatta giustizia, i restanti
solo preda

*

non erano corpi ma numeri
ma erano corpi non numeri
semplicemente
non erano – protocolli firmati
in calce, la data, è giusto
sapere quando e chi
nel silenzio cardiaco
dei fogli sta preparando
le camere

(un sorso d’alcool
ma non è lavoro sporco)

preparano le camere
degli ospiti – si chiedono
per quanto si fermeranno,
almeno per quanto ancora
se poi sarà bello faremo
il bagno – o affonderemo
nelle nostre stanze e il lago
sarà sempre fuori e sarà freddo

*

capolinea della s1
e i giustizieri sono tutti
scappati o fantasmi
dentro l’ultimo notturno
per oranienburg

(una voce si dichiara
innocente, smisurata)

innumerevoli si sta straniati
dove si sa ora
e si sapeva allora
a conti fatti
che erano solo conti

*

nessuna esitazione – a nessuno,
neanche al più inesperto tra gli
scriba trema
la mano

quello che si deve
si deve, solenne
nel freddo di gennaio
in camere ardenti

senza gettare spugna
un groviglio umano, sciolto
da un calcolo, apre
la partita doppia
col carnaio

*

un tempo fermo che sembra
presso lo schermo acido del lago
con i fogli redatti in bello stile –
bianchi, prima di insanguinarsi,
neve che copre gli errori,
ed hanno punti
in fori di proiettili, virgole
come tagli e una parola d’ordine
che alza il gomito

e in alto
punta

più in alto

*

bagnini e salvagente, pedalò
sull’acqua e tovaglie d’erba
e pazzi che urlano e
si tuffano nella corrente
che accompagna le macerie

separati da mezzo secolo
gettato alle spalle, a ciascuno
un flacone di silenzio,
una pillola di oblio, una
vacanza d’inverno

*

e nuotando a partire dal gennaio,
la zattera di legno a palafitta
si sospende tra un bagno
ad occhi chiusi e un dispaccio
senza limiti

l’acqua dolce passa nei corpi
che passano sul fondale e,
passando, lo lasciano
più torbido

*

si chiude il cerchio finalmente
a furia di macchie d’inchiostro
nelle ossa – poi il resto è solo
una catena la gomena
e schiavitù impugnata
dalla lama, bersagliata
da ogni punto

la bufera fece un giro di teste
una roulette russa con se stessa

Iniziano così tutte le storie

[Senza data]

Iniziano così tutte le storie che non sanno come finire.
Fanno cerchio sulle date, sulle sponde, tra le retrovie.
Dicono parole d’ordine: lasciapassare. Vanno dalla parte
dei semi, dei fiori, delle nuvole fino a sfinirsi, a non
crederci più. Si lasciano così tutte le storie, come le si
sono ritrovate, da qualche parte, vicino a qualcuno.
Dicono che a far bene si faccia bene.
Ho sentito raccontare vicende al contrario. Ma la luce
toglie paura al buio: cura ogni notte e da ogni nottata
passa a raccontare come si potrebbe non finirla mai.
«Lo sai» mi dicevi, «le date scoppiano a caso, fanno
guerre vicine, tolgono il bianco: fanno l’elemosina a un
sogno digiuno.»

[30 marzo 2003]

Anche qui è tutto un bombardamento
una guerra guerreggiata tra cuori
scapole, polmoni, femori, caviglie.
E non si sa il nome di nessuno
la faccia di chi crepa tra le mani
e neppure di chi ci stava vicino da tempo
con la sua pigiata, ben trovata
con la notte e il suo silenzio.
Dai colpi, dagli incendi, dalle bombe
non escono che pezzi tolti alla cieca.
Amore dove sei?
I primi spari sono partiti.
La colpa incendia gli amanti
e gli armamenti. La polvere ci copre gli occhi
e il fiato è tolto come un’esplosione.
Feriti a Bassora, morti a Baghdad
e di te non so più niente. Qui
si mischia tutto. Le notti arrivano già cariche
e ferite: il sangue tra le gambe frena.

La città è stata circondata

La città è stata circondata, i punti d’accesso sono stati chiusi.

Mi hai detto: «Noi ci mancheremo sempre.»

Ma lo sapevi della guerra, della fuga
delle notizie, dei bombardamenti?

Non abbiamo avuto il tempo di sapere
tutte le cose esatte per la tregua.
Si spandono brani di affetto, credendo
siano provviste, scorte. Restano
gli armadi vuoti, le porte
spalancate, le luci accese.
Nei rifugi non ci sono altro che fiati:
gli stessi freddi di chi ha paura. Entrarci
è come serrare due porte
due catenacci: farsi circondare.

Ci sono baci che restano sulle labbra

Ci sono baci che restano sulle labbra
e altri che raccontano destini: guerre
che fanno tremare fino alla fine.

[………]

… e ora dimmi, se lo puoi
da che parte arrivano i perdoni
dove stanno i ripensamenti, quali
tane si scavano le colpe e quanti
cunicoli i fallimenti.

La guerra – dicono – la si fa sempre in due.

Due: lo stesso delle braccia
delle mani, lo stesso due
dei seni, dei testicoli, dei semi
del buio e il chiuso delle noci
del silenzio e il guscio delle mandorle.
Due come il tragitto delle promesse,
la stretta delle mani, la direzione degli occhi.
Due come sono due tutte le cose
che s’incontrano, s’incastrano.
Come sanno fare le bocche tra gli abbracci
i ventri che si sfiorano, le anche che si sgretolano
che si spingono una dentro l’altra.

La nostra conta è finita quando
si resta dispari e spaiati .

Le mani tengono le lame
come le statue il loro nome
in basso. Tra poco ricostruiranno
tutto. Ti faranno una casa nuova
un tetto, una terrazza, una stanza
un letto. Le labbra, la gola, la saliva.
Il buio, il silenzio, la voglia. Il tuo
respiro, la paura: lo spazio per le tregue.

Sono queste le parole che si possono
tradire, che ci restano addosso
come un bacio d’orto.

Ci sono ombre – la notte –
che arrivano insonni, contorni
di padri e figli di figli che restano
come coralli, nervi, muscoli
ossa bianche, salate.

Ma ora raccontami dei fondali
di come fanno a tremare, adesso
che il salto è l’acqua e il respiro
è un fiato passato dalle labbra...

Una bomba inesplosa uccide un uomo e una donna. I due corpi, incredibilmente incastrati, sono stati ritrovati ai bordi di un campo di papaveri appena fuori città. Nessuno ancora li ha identificati. I loro nomi sono, a tutt’oggi, sconosciuti.